FRANZ SCHUBERT, “APARTE”

FRANZ SCHUBERT

Wanderer Fantasie; Sonata in sol maggiore D 894; Marche militaire n.1.
Tristan Pfaff, pianoforte.
1 cd APARTE AP 065

Interpretazione: ****

FRANZ SCHUBERT
Pagine per pianoforte a 4 mani.
Ismael Margain, Guillaume Bellom, pianoforte.
1 cd APARTE AP 056

Interpretazione: ****

 Acquista su AMAZON

 Acquista su AMAZON

Acquista su IBS

schubert2 schubert1

“APARTE’”, etichetta affiliata al gruppo Harmonia Mundi francese, si distingue per la pubblicazione di concerti interpretati da giovani solisti impegnati nel maggiore repertorio della musica classica. Si tratta di giovani solisti che non sono semplici promesse, ma artisti di interesse nel panorama della musica, come dimostrano i due cd dedicati a Franz Schubert, dei quali il primo presenta alcune pagine per solo pianoforte, mentre il secondo alcune composizioni a 4 mai tra le più belle scritte dal musicista.

Tristan Pfaff è l’interprete della Wanderer Fantasie, della Sonata in sol maggiore D 894 e della trascrizione per solista, dovuta a Carl Tausig della prima delle Marce militari a 4 mani.

Ismael Margain e Guillaume Bellom, invece, sono impegnati nella splendida Fantasia in fa minore D 940, nella Sonata in do maggiore D 812 e nell’Allegro in la minore D 947.

Celebri pagine, dunque, con ricca discografia, in effetti, ma interpretate con sicura maestria: si ascoltano con vivo piacere ed interesse, tanto più data la giocane età dei protagonisti, tutti ventenni.

Una bella dimostrazione che la musica classica è sempre viva, attira anche le giovani generazioni, giacché, fortunatamente, molti sono i ragazzi che studiano l’arte delle sette note: ottime, pertanto, queste attestazioni da parte della casa francese, la quale, unico appunto che si può muovere alle scelte artistiche, fedele al “gallicismo” che contraddistingue la società francofona, propone solo artisti nati sotto la bandiera della Marianna.

Ad ogni modo, i giovani Ismael Margain, famiglia di origine ebraica, ed il coetaneo Guillaume Bellom propongono un’eccellente lettura della Fantasia, ben evidenziando i tratti poetico lirici e le impennate virtuosistiche, quelle impennate di dolore a lungo represso che Schubert sfoga nell’ultimo tratto della sua esistenza, senza essere da meno nel “Gran Duo”, già ad appannaggio di blasonatissimi pianisti: ed è un titolo di merito per i due ragazzi affermare che nulla sfigurano a fronte di edizioni talora anche fin troppo celebrate.

Tristan Pfaff affronta la Sonata D 894 con tratti giustamente improntati alla serenità che percorre questa pagina della maturità, quasi vicino alla proposta che ci ha lasciato Jorg Demus, fornendo un’adamantina proposta della Wanderer-Fantasie.

Ascoltate queste premesse (non più “promesse”), l’arte del pianismo non può certo sentirsi orfana del cambio generazionale. Ad majora!!!

Bruno Belli

This post is available in EN, FR, ES, DE here

Seguite le nostre news ogni giorno su www.classicaonline.com

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...