ARTURO TOSCANINI E VICTOR DE SABATA

Per una ricorrenza «speculare» della loro attività

toscanini_desabataArturo Toscanini e Victor de Sabata: due giganti del podio orchestrale italiano, tra i massimi direttori d’orchestra che il Novecento annovera, stimati dal mondo musicale, furono anche affatto diversi sia nell’arte sia nella vita. Accomunati, entrambi, dalla profonda passione per la musica che si traduceva in certosino studio, in perfezionismo, tanto da giungere ad interpretazioni che, anche quando controverse, formano, a tutt’oggi, un termine di paragone per qualunque professionista della musica.

Di questi due grandissimi musicisti, quest’anno, il 2017, vede il Centocinquantenario della nascita del primo (Arturo Toscanini nacque a Parma il 25 marzo 1867) ed il Cinquantenario della morte del secondo (De Sabata morì a Santa Margherita Ligure, l’11 dicembre 1967). Augurandoci che possano essere opportunamente ricordati dalle Istituzioni musicali Italiane (anche se, dati i tempi, chi scrive ne dubita assai), ci è sembrato doveroso tracciare una breve “comparazione”, invitando i nostri lettori ad ascoltare le registrazioni che ci sono rimaste, essendo esse le testimonianze più utili per comprenderli in modo diretto, testimonianze più efficaci di qualunque nostra parola.

Arturo Toscanini morì non in Italia, ma a New York, 16 gennaio 1957, dopo una carriera che lo aveva reso popolare nel mondo, grazie anche alle sue interpretazioni americane prima per la Radio, poi per la Televisione, oltre che per l’intransigenza delle sue idee artistiche, umane e politiche.

D’idee socialiste, infatti, dopo un’iniziale condivisione del programma fascista (nel novembre 1919 si era candidato alle elezioni politiche nel collegio di Milano nella lista dei fasci di combattimento con Mussolini e Marinetti, ma non fu eletto), se ne allontanò, non appena comprese che Mussolini si stava allontanando dai principi più “liberali”, divenendo un intransigente oppositore già prima della «Marcia su Roma». Fu voce critica e “fuori de coro” nella cultura che si era omologata al regime, riuscendo, a mantenere l’Orchestra della Scala autonoma dall’ingerenza del Fascismo nel periodo tra il 1921 ed il 1929, grazie al prestigio internazionale che aveva conquistato fin dagli anni antecedenti alla Prima guerra mondiale. Di quest’autonomia è testimonianza il fatto che egli aveva comunicato che si sarebbe rifiutato di dirigere la prima mondiale di Turandot (1924) dell’amico Puccini, se Mussolini fosse stato presente alla Scala.

Il 14 maggio 1931, però, i rapporti precipitarono e si ruppero in modo definitivo: al Teatro Comunale di Bologna si rifiutò di eseguire «Giovinezza» (allora l’Inno fascista che aveva soppiantato persino la «Marcia Reale») al cospetto di Costanzo Ciano e Leandro Arpinati, venendo perciò aggredito, schiaffeggiato e spinto a terra dalla camicia nera Guglielmo Montani nei pressi di un ingresso laterale del teatro. Per questi atteggiamenti di aperta ostilità al regime subì una campagna di stampa ostile sul piano artistico e personale, mentre le autorità disposero provvedimenti quali lo spionaggio delle telefonate e della corrispondenza e il ritiro del passaporto. Questi episodi decretarono la rinuncia a dirigere le orchestre in Italia fin quando il Fascismo fosse stato al potere, e la scelta di trasferirsi negli Stati Uniti.

Nel 1933 infranse i rapporti anche con la Germania nazista, abbandonando il «Festival wagneriano» di Bayreuth (ricordiamo che Toscanini fu il primo direttore Italiano che diresse opere di Wagner nel “tempio” che il compositore si era elevato). Nel 1938, dopo l’annessione dell’Austria da parte della Germania, abbandonò anche il «Festival di Salisburgo», inaugurando, per contro, il «Festival di Lucerna» nella neutrale e libera Svizzera.

Negli Stati Uniti fu creata per lui la «NBC Symphony Orchestra», formata dai più virtuosi musicisti americani, compagine che diresse dal 1937 al 1954 su radio e televisioni nazionali, divenendo il primo direttore che utilizzò i mezzi di trasmissione video per la «musica classica», tanto da apparire per ben tre volte sulla copertina della rivista «TIME», un avvenimento impensabile per un direttore d’orchestra e mai accaduto ad altro artista italiano.

Considerato uno dei più grandi direttori di ogni epoca per l’omogeneità e per la brillante intensità del suono, per la precisione degli attacchi e delle dinamiche, per la cura dei dettagli, per l’instancabile perfezionismo e fin anche per la memoria visiva musicale prodigiosa, Toscanini ha lasciato, con le sue incisioni americane, il più vasto testamento artistico che si possa immaginare, fonte dalla quale trarre utile studio e crescita, anche per coloro che non approvano il suo approccio e le sue interpretazioni musicali.

Victor de Sabata nacque a Trieste il 10 aprile 1892, quando la città era ancora parte dell’Impero austro-ungarico e ne respirò il clima mitteleuropeo, che lasciò un indelebile segno sulle idee artistiche del futuro direttore. Il padre, Amedeo de Sabata, era di religione cattolica, un cantante professionista ed insegnante di canto corale, mentre la madre, Rosita Tedeschi, una musicista di talento ma non professionista, era di religione ebraica, la medesima condizione familiare che ebbe un altro grande artista italiano del Novecento, il poeta Umberto Saba, che, oltre a quest’aspetto, condivide con De Sabata la città natale.

Dopo aver studiato al Conservatorio di Milano, nel 1917 diresse al Teatro alla Scala di Milano la “prima” della sua opera «Il macigno», su libretto di Colantuoni. Dal 1918 al 1928 fu direttore dell’«Opera di Montecarlo», quindi, della «Cincinnati Symphony Orchestra».

Dal 1929, anno in cui Toscanini lasciò la direzione della stessa, tenne la carica di direttore dell’«Orchestra del Teatro alla Scala» fino al 1957: per lo stesso teatro fu anche nominato direttore artistico.

Come si vede, numerosi sono i punti di contatto tra i due artisti che ebbero rapporti con il mondo musicale Italiano e Statunitense.

De Sabata ebbe un repertorio più contenuto rispetto a Toscanini, prediligendo la direzione di Richard Wagner (in particolare il «Tristano e Isotta» opera di cui ha lasciato una lettura esemplare per la cancellazione di ogni orpello retorico) e di Giuseppe Verdi. Come compositore scrisse alcuni lavori sinfonici e operistici di tendenza tardo-romantica, tra cui il poema sinfonico «Juventus» nel 1919.

Sebbene Puccini in una lettera risalente del 1920 abbia lasciato scritto che «anche se [De Sabata] è un eccellente musicista, l’altra scuola [cioè la “scuola moderna”, cui De Sabata secondo il compositore apparteneva], non può, e non sa come, condurre la mia musica», il direttore, invece, è stato tra gli interpreti più attenti e personali di un’opera quale «Tosca» che abbiamo la fortuna di conservare nella registrazione che egli effettuò nel 1953 per la EMI, con Maria Callas quale protagonista, edizione che Karajan chiese più volte di ascoltare al produttore John Culshaw, durante le registrazioni che egli stava facendo perché aveva la necessità di sentore come De Sabata era riuscito ad accompagnare la voce in alcuni passaggi “critici” del terzo atto.

Anche Toscanini non approvava lo stile di conduzione di De Sabata: considerava la gestualità del collega più giovane troppo vistosa e la sua interpretazione “verbosa”. In effetti, l’asciuttezza di Toscanini è difficilmente riscontrabile in qualunque altro direttore dell’epoca.

Ma, una delle testimonianze più interessanti che comparano i due direttori l’ha lasciata un professore d’orchestra che suonò più volte con entrambi (la riporta Havey Sachs, nel suo libro « Arturo Toscanini from 1915 to 1946: Art in the Shadow of Politics» tradotto per EDT nel 1987, pagg. 138/139): «De Sabata: anche lui è stato un grande direttore d’orchestra, ma era mutevole. Un giorno, quando si sentiva pienamente bene, avrebbe condotto in un certo modo; il giorno dopo, se fosse stato pieno di dolori e avrebbe condotto un modo diverso. Era sempre un po’ malato… devo ammettere che «Tristan und Isolde» mi aveva fatto un’impressione ancora più grande che con Toscanini, quando De Sabata l’aveva condotto. Toscanini era la perfezione… In seguito, quando Toscanini aveva lasciato la direzione, De Sabata era l’unico che poteva occuparne il posto. Nonostante i suoi difetti, anche lui, è stato un grande direttore d’orchestra ed un musicista di primissimo ordine. Una volta, in «Turandot», indicò un errore intonato dal terzo trombone: si scoprì che era un errore di stampa che nemmeno Toscanini aveva colto».

Come si vede, si trattò di due grandissimi direttori, differenti personalità che espressero in modo spesso antitetico le letture di medesime composizioni, ma che hanno lasciato valide scelte d’approccio e di «resa» dei testi musicali: basti confrontare la disincantata virilità toscaniniana con il terribile dolore de sabatiano nel «Requiem» di Verdi.

Bruno Belli

This post is available in EN, FR, ES, DE here

 Seguite le nostre news ogni giorno su www.classicaonline.com

Annunci